Stampa

Image 04/05/2009 - Il Parlamento Europeo ha adottato in data 2 aprile 2009 uno schema di Regolamento che snellisce ed allarga il campo di applicazione del Marchio Europeo di Qualità Ecologica (Ecolabel). L'UE è pronta a mandare in soffitta l'attuale Regolamento

Ecolabel, per contribuire a ridurre ulteriormente gli impatti negativi del consumo e della produzione su ambiente, salute e clima. La proposta deliberata prevede la semplificazione della procedura di assegnazione del marchio, l'allargamento dell'etichettatura a nuove categorie di prodotti (tra cui gli alimenti), il coordinamento con le altre norme ambientali relative ai prodotti e all'eco-progettazione, l'abbattimento degli oneri economici di adozione da parte delle piccole e medie imprese.Quindi più prodotti certificati Ecolabel e uno studio per verificare se il marchio potrà essere assegnato agli alimenti ed eventualmente solo ai cibi biologici. Il logo potrà applicarsi a tutti i prodotti e servizi ma non ai medicinali e ai prodotti tossici. Entro nove mesi dalla consultazione del Comitato dell'Unione europea per il marchio di qualità ecologica (CUEME), la Commissione dovrà adottare provvedimenti per stabilire criteri specifici da attribuire a ogni gruppo di prodotti.L'Ecolabel, disciplinato dal Regolamento CE n. 1980/2000, è attualmente assegnato a 26 gruppi di prodotti e servizi, tra cui elettrodomestici, detersivi e detergenti, materassi, carta per ufficio e per uso domestico, tessuti e calzature, pavimentazioni, servizi di ricettività turistica e di campeggio. Ad oggi sono circa 500 le imprese che producono prodotti Ecolabel, per un fatturato totale di oltre 1 miliardo di euro l'anno.

Ritenendo tale somma estremamente ridotta rispetto al potenziale mercato comunitario, la Commissione ha proposto una revisione del vigente regolamento al fine di includere il maggiore numero di gruppi di prodotti possibile. Pertanto, il Regolamento si applicherà a tutti i beni e i servizi destinati alla distribuzione, al consumo o all'uso sul mercato comunitario, a titolo oneroso o gratuito. Il marchio di qualità ecologica, però, non potrà essere assegnato a medicinali per uso umano e veterinario ed ai prodotti contenenti sostanze o preparati classificati come tossici, pericolosi per l'ambiente, cancerogeni, mutageni o tossici per la riproduzione, salvo eventuali deroghe.

La ns società HARPO MANAGEMENT Srl, società di consulenza con un sistema di gestione qualità certificato in base alla norma UN EN ISO 9001:2000 ed associata a "CON.CERTI." (Associazione tra imprese di consulenze certificate) offre il proprio supporto per la redazione dei documenti necessari all’ottenimento dell’ambito marchio ed affiancamento durante l’iter di certificazione dei Vs prodotti o servizi ai sensi del vigente regolamento. Per qualunque informazione o per richiedere un semplice preventivo gratuito, contattateci saremo lieti di offrirVi, senza alcun impegno, ampie delucidazioni in materia. 

Lo staff di Harpo Management Srl

tel 0832.364614

fax 0832. 367518email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.