Stampa
Image 20/07/2010 - Nell`ipotesi in cui sia stata dichiarata decaduta l`attestazione SOA a seguito di dichiarazioni false, e` necessario il nulla osta dell`Avcp qualora si voglia ottenere la nuova attestazione prima di un anno 
 
 Con la determinazione n. 3 del 3 giugno 2010, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 14 luglio 2010, l`Autorita` per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (Avcp) ha descritto il percorso che deve seguire l`impresa che abbia subito la decadenza dell`attestazione SOA a seguito dell`accertamento di false dichiarazioni o documentazioni rese in sede di qualificazione.

Come gia` evidenziato nella determinazione Avcp n. 6/06, la decadenza dell`attestato e` quel provvedimento emesso dalla stessa Autorita` o, piu` frequentemente, dalla SOA che a tutela della regolare esecuzione dell`opera e della corretta concorrenza, evita l`immissione e la permanenza nel mercato di attestazioni fondate su false documentazioni.

 La decadenza, pertanto, non accerta la non imputabilita` soggettiva dell`alterazione documentale o la buona fede nelle dichiarazioni non veritiere, ma si basa sul fatto oggettivo della mancanza di veridicita` dei documenti prodotti in sede di qualificazione (cosi` anche TAR Lazio, sez. III, 29 dicembre 2006, n. 16399).

 Su tali premesse, l`Autorita` ha escluso che un siffatto accertamento possa comportare per l`impresa l`impossibilita` futura, e senza termine, di ottenere una nuova attestazione, qualora si tenga conto che le stesse dichiarazioni o documentazioni non veritiere comportano, se presentate in gara, l`interdizione annuale dai pubblici appalti (per l`interdizione sine die cfr. art. 17 del D.P.R. n. 34/2000 e dall` art. 38, co. 1, lett. m-bis, del codice dei contatti pubblici nonche` per l`interdizione alle gare l`art. 38, co. 1, lett. h dello stesso codice).

 In ragione dei principi di ragionevolezza e proporzionalita`, la preclusione sine die colpisce, invece, la mera efficacia dell`attestato basato su dichiarazioni e/o documentazioni false, non l`impresa che lo deteneva.

 A similitudine di quanto disciplinato per le falsita` rese in sede di gara, l`impresa, non piu` attestata, potra`, al contrario, ottenere una nuova qualificazione, decorso il termine di un anno dall`inserimento nel casellario della notizia della decadenza (o del diniego) dell`attestazione.

 L`interpretazione dell`Autorita` troverebbe conforto nelle disposizioni contenute nelle previsioni dell`emanando Regolamento generale sui contratti pubblici, in cui e` limitato ad un anno l`effetto interdittivo al conseguimento di un nuovo attestato (vedi artt. 78 e 79 del testo approvato il 14 giugno u.s.).

 Prima della scadenza dell`anno d`interdizione l`impresa puo` richiedere l`accertamento della non imputabilita`, cosi` da ``ricostituire`` il requisito di ordine generale di non aver reso false dichiarazioni circa il possesso dei requisiti previsti per l`ammissione agli appalti e per il conseguimento dell`attestazione di qualificazione.

 In altre parole, la nuova attestazione puo` essere ottenuta a seguito di:

  • 1.      ``riabilitazione`` per decorso dell`anno;
  • 2.      falso non imputabile accertato dall`Autorita`.

 La valutazione dell`istanza di non imputabilita` o riattestazione, pur seguendo un procedimento autonomo e distinto, puo` svolgersi, tuttavia, contestualmente a quello predisposto per l`accertamento della sussistenza oggettiva del falso, qualora:  

  • ·          l`accertamento della veridicita` di dichiarazioni e/o documentazioni non sia stata gia` verificata dalla SOA;
  • ·         sia sta proposta apposita istanza all`Autorita`.

In tutti gli altri casi, l`istanza di riattestazione da` luogo ad un procedimento ``di secondo grado`` diretto a valutare la ``mancata riferibilita` soggettiva e oggettiva del fatto all`impresa che ha compiuto l`azione con violazione degli ordinari parametri dei doveri di diligenza``. Detta imputabilita` puo` essere pertanto esclusa solo nel caso di:

  • 1.       adozione, da parte dell`impresa, di un ``idoneo`` sistema gestione e controllo che interessi i soggetti apicali dell`impresa, il personale e i terzi incaricati (sono, invece, irrilevanti le dimissioni o la revoca del mandato);
  • 2.       falsita` prodotta da soggetti terzi totalmente estranei all`impresa e maturata al di fuori di ogni possibile controllo da parte della stessa (verificabile alla stregua degli ordinari parametri di diligenza).

 Il soggetto legittimato a compiere tale valutazione e` l`Autorita`, quale garante dell`efficienza e corretto funzionamento del mercato e organo di vigilanza sul sistema di qualificazione. Il procedimento si svolge in contraddittorio alla presenza sia dell`impresa che della SOA. Della non imputabilita` e` data pubblicita` nel casellario informatico.

 La disciplina dei soggetti terzi ricomprende la spinosa questione della cessione d`azienda o di un ramo della stessa.

L`impresa cessionaria dovra` o dimostrare la propria buona fede nell`acquisto ovvero attendere il trascorrere dell`anno d`interdizione; cio` fatto la cessionaria potra` impiegare i restanti (e veritieri) requisiti dell`impresa cui sia stata dichiarata decaduta l`attestazione SOA (e` previsto a tal proposito l`obbligo di verifica sull`Osservatorio da parte della SOA, vedi anche determinazione Avcp n.5/2003).

 L`eventuale istanza di non imputabilita` rivolta all`Autorita` e` corredata da:

  • 1)      copia dell`atto di cessione registrato ovvero dell`atto pubblico di donazione, accompagnati da eventuali relazioni giurate, da cui risultino i requisiti acquisiti (materiali e immateriali) nonche` la loro consistenza  economica, il prezzo pattuito e la prova dell`avvenuto pagamento (questi ultimi due solo per la cessione);
  • 2)      relazione da cui  risulti la pregressa consistenza dell`impresa;
  • 3)      dichiarazione sostitutiva:
    •  
      • a.  del rappresentante legale che attesti l`inesistenza di situazioni di controllo o collegamento (diretto o indiretto) con la cedente ovvero che specifichi perche` lo si ritenga ininfluente;
      • b. dei soggetti apicali e dei soci, in merito allo stato di famiglia, con indicazione di coniuge, figli, genitori, fratelli e sorelle;
  • 4)      visura camerale storica dell`impresa cessionaria;
  • 5)      ogni altro documento utile a provare la buona fede.

Per qualunque informazione in merito allle normative sulla qualificazione SOA ed alle conseguneze dirette che avranno sull' attestato SOA o sulla procedura in animo di avviare per la Tua impresa, contattaci e, senza alcun impegno, saremo lieti di soddisfare le Tue esigenze e qualora lo riterrai opportuno, consigliarTi, senza costi aggiunti e con comode modalità di pagamento, sulle piu' corrette ed economiche procedure per Qualificare la Tua Impresa o positivamente sfruttare le nuove disposizioni.

Lo staff di Harpo Management Srl 

tel 0832.364614 - fax 0832. 367518 

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Richiedi Contatto Gratuito

Visualizza le news su Attestazione SOA

Scopri le nostre cessioni di azienda SOA