dx_Info tel
sfondo_header
IN EVIDENZA
Ricerca CONSULENTI COMMERCIALI

ImageNell’ambito della nostra attività di Consulenza Direzionale specializzata nell'implementazione di Sistemi di Gestione Aziendali...

Ricerca Promotori e Consulenti SOA (3)

ImageRicerchiamo su tutto il territorio nazionale Promotori e Consulenti SOA con cui valutare eventuali rapporti di collaborazione...

Quote Srl newco OG9 II - OS30 III/bis - OG1II

Vuoi partecipare a gare per lavori edili, impianti elettrici, fotovoltaici, eolici, biomasse, efficentamento energetico degli edifici, etc?Non hai i requisiti? AQUISTA SOCIETA' CON REQUISITI SOA....


Si cedono quote societarie o complesso aziendale con requisiti aggiornati e completi per la qualificazione SOA nella categoria OG1 II ed OS30 III e per appalti sottosoglia in OG9 ed OG10 con cui è possibile partecipare, da subito, a bandi pubblici per:

  1. edilizia in generale civile e industriale sino a circa 614.000 €
  2. impianti interni elettrici, telefonici, radiotelefonici e televisivi sino circa 1.200.000 €
  3. fotovolici, eolici, energie rinnovabili, efficentamento energetico degli edifici sino a 150.000 €
  4. impianti per la trasformazione alta/media tensione e per la distribuzione di energia elettrica in corrente alternata e continua ed impianti di pubblica illuminazione sino a 150.000 €

>> CLICCA E SCARICA SCHEDA DETTAGLIATA

OPERAZIONE GARANTITA 100%

   Facilitazioni nei pagamenti   

Clicca e scopri tutte le opportunità d'affari con gli Enti Pubblici in ogni categoria SOA

 accesso libero1

Mediante l'operazione di acquisto del ramo di azienda o delle quote societarie, da noi già positivamente valutato, lpotrai essere ammesso a partecipare a gare di appalto bandite da Comuni, Province, Regioni, Università, Asl, ed Enti pubblici in generale per le categorie interessate.

Per informazioni, qualora veramente interessati, contattare i nostri uffici al 0832.364614 o inviarci una email per poter essere ricontattati. 

N.B.:  Vi preghiamo di contattarci comunicando i Vs. riferimento completi.

Per comodità, potete utilizzare il coupon scaricabile  downloadcliccando qui.

 

 Per procedure organizzative, ad ogni modo, NON verranno esaminate richieste incomplete

Lo staff di Harpo Management Srl  

tel  0832.364614 - fax 0832.367518 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

>> clicca e RICHIEDI INFORMAZIONI o CONTATTO GRATUITO

 

>> Calcola ON LINE il costo del tuo attestato SOA

>> Impresa Attestate

>> Determinazioni Autorità

>> Delibere Autorità 

>> Cessioni Rami di Azienda SOA - la nostra selezioneImage

 >> FAQ compra-vendita rami azienda SOA Image

>> News attestazione SOA

>> Verifica ON LINE i tuoi requisiti SOA

 

 accesso libero1

Quote Srl NewCo OG1 II - ATTESTATA SOA scadenza 2019 - OS30 III/bis - GARANTITA

Vuoi partecipare a gare per lavori edili, impianti elettrici, fotovoltaici, eolici, biomasse, etc? Non hai i requisiti? ACQUISTA NUOVA SRL GARANTITA e GIA' ATTESTATA ....

Fai Crescere La Tua Impresa. Scopri tutti gli appalti d'Italia con GARE ITALIA ON LINE

basta appalti 2Per monitorare e reperire giornalmente tutti gli Appalti e le Gare, senza limitazione, in modo facile, completo ed economico....

Image A partire dal 1° novembre i tempi di incasso degli assegni  si accorceranno: 3 giorni lavorativi per la valuta di accredito (1 giorno per gli assegni circolari) e 5 giorni (ma diventeranno 4, come per i circolari, dal 01.04.2010) per l'effettiva messa a disposizione del denaro sul conto corrente.

Entrano infatti in vigore le norme contenute nell'articolo 2 del il decreto 78/2009 (il cosiddetto Tremonti Ter, convertito con la legge 102/2009) che fissano per legge i tempi entro i quali i clienti devono avere la disponibilità delle somme incassate. Nel suo piccolo si tratta di una mini-rivoluzione, perché fino a oggi non esisteva una regolamentazione specifica in merito e le scadenze erano lasciate al gioco della competizione: ogni banca fissava le proprie.

«Nei primi 6 mesi del 2009 – spiegano dall'Associazione bancaria italiana (Abi) – la data di valuta media è stata pari a 5,6 giorni lavorativi per gli assegni bancari e a 3,1 giorni lavorativi per i circolari, mentre a fine 2008 i tempi medi di messa a disposizione erano pari a 6,4 giorni per entrambi gli strumenti». Le nuove norme permetterebbero una velocizzazione di circa 2 giorni lavorativi per tutte le operazioni: un risparmio che, visti i tassi minimi di remunerazione dei depositi sul c/c, è in fondo ben poca cosa (nell'ordine della decina di centesimi su un assegno di 1.000 euro), ma che potrebbe divenire significativo per un correntista che, grazie all'accorciamento dei tempi, riesca a evitare di finire «in rosso».
Il rovescio della medaglia non può mancare ed è rappresentato dalle possibili contromosse delle banche, che potrebbero mettere mano alla struttura commissionale dei conti correnti per recuperare quella che di fatto è una commissione implicita a carico del cliente per l'incasso degli assegni. Forti perplessità esistono inoltre sull'applicabilità della legge ai bonifici, visto che le norme stabilite dal decreto sono in conflitto con quanto prescrive la Payment Services Directive (Psd), la direttiva europea sull'armonizzazione dei sistemi di pagamento recepita dal Consiglio dei ministri mercoledì scorso.


Resta poi da vedere se le banche saranno effettivamente in grado di rispettare la legge fin da lunedì prossimo, ma sotto questo aspetto sia dall'Abi sia dai principali gruppi bancari italiani arrivano promettenti rassicurazioni. In ogni caso non sarà necessario dare informativa ai clienti delle nuove regole, anche perché il fatto che le variazioni non siano peggiorative non impone l'invio della comunicazione con la modifica contrattuale prevista dall'articolo 118 del Testo unico bancario. È molto probabile invece che una nota sia spedita ai correntisti insieme al riepilogo trimestrale.

Qualche disguido, almeno nei primi tempi, sarà comunque da mettere in conto. «In questo caso è utile che il cliente metta in mora la banca inviandole una raccomandata e chiedendo un risarcimento per il danno arrecato, dopodiché si può eventualmente ricorrere al giudice di pace», consigliano dall'associazione dei consumatori Aduc. La mancata applicazione della Tremonti Ter rappresenta inoltre una tipica situazione che potrebbe essere trattata dall'Arbitro bancario finanziaro (Abf), il nuovo organo l'organo creato per risolvere in via stragiudiziale le controversie banche-clienti. Prima di attivare l'Arbitro, il correntista dovrà però presentare un reclamo in forma scritta all'istituto di credito e far trascorrere almeno 30 giorni.

Lo staff di Harpo Management Srl

 

(fonte: Il Sole 24 Ore)

Harpo Management S.r.l. Via G. Garibaldi, 13 73010 Surbo (Le) P.IVA 03739150757
Powered by SEI Consulting s.r.l.